Enamullah Samangani invita le donne ad entrare al governo: propaganda mediatica od effetto placebo?
Enamullah Samangani invita le donne ad entrare al governo: propaganda mediatica od effetto placebo?

Enamullah Samangani invita le donne ad entrare al governo: propaganda mediatica od effetto placebo?

Secondo il trascorso storico, le parole di Enamullah Samangani, parrebbero, infatti, essere più una propaganda mediatica che una promessa politica. Tale affermazione deriva ebbene, da un contesto primario vissuto appunto, dal 1996 al 2001. Che si tratti di un effetto placebo atto ad abbonire la popolazione?

Enamullah Samangani divulgatore di promesse improbabili?

Resta chiaro che nella presa di potere da parte dei talebani, il fulcro sociale e politico del confronto storico, si centri in assoluto sul ruolo delle donne in Afghanistan. Ed è proprio in tale contesto che “entra in gioco” il membro della Commissione cultura degli insorti: Enamullah Samangani. Egli, infatti, sostiene a pieno potere che il ruolo della donna all’interno del governo sia di fatto ben accetto. Tale, però, dovrà essere esplicitamente adeguato alle regole rigide della Sharia. La richiesta però, pare spaccare a metà l’intero popolo: diviso tra chi accoglie la pretesa e chi, si discosta pienamente dalla stessa.


Abdul Ghani Baradar: scarcerato su richiesta degli americani ora è il leader della vittoria talebana


Dalle lapidazioni alla richiesta di moderazione: le donne al centro del dibattito

Ci resta estremamente difficile credere che le parole di Enamullah Samangani non siano semplicemente una manovra per abbonire taluni ed essere di fatto, una propaganda mediatica per coloro che si discostano appieno dalla presa di potere talebana. Per anni le donne sono state vittime di lapidazioni, mutilazioni ed esecuzioni in piazza. Questo sarebbe il motivo principale del pensiero pressoché comune di un ritorno al passato e di una cancellazione totale di un ventennio di svolte femministe. Pare molto complesso credere nella veridicità di volere, addirittura, stabilire un ruolo politico femminile all’interno del governo talebano.

Che cos’è di fatto la Sharia?

Come detto in precedenza, la pseudo dichiarazione affermata in base alla volontà di stabilire un ruolo governativo delle donne, dovrebbe basarsi sulla Sharia. Ma che cos’è realmente? Si tratta ebbene, di un complesso di regole di comportamento morale, religioso e giuridico, dettato direttamente da Dio. Per identificare nel miglior modo possibile i comportamenti umani, questa e suddivisa in cinque categorie: obbligatorie, raccomandabili, lecite, sconsigliate ed infine proibite. Seguendo tale logica, resta ancora un grande punto interrogativo per le donne, il nuovo governo talebano. Sempre secondo tali affermazioni, resta per noi difficile credere che non si tratti di altro che di un “contentino” mediatico e, non di un piano intenzionale.

Un commento

  1. Pingback:Sharia: la legge con cui giocano i talebani - Il Grillo Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.