Dio ignora quello che il mondo non può vedere
Dio ignora quello che il mondo non può vedere

Dio ignora quello che il mondo non può vedere

Troppo indaffarati in ebbrezze che il senso di esse perde nel suo indaffararsi, mentre Dio ignora ciò che il mondo non può vedere nel suo senso. Perse e ripiegare nel loro perdersi di affanni e violenze. Mentre uomini nascosti dietro un finto segreto le distruggono sorridendo e sborrando sul loro pianto. Si, cosi si dice, sborrando il loro nulla su donne imbavagliate dal velo.

Dio ignora ciò che permette?

A poche ore dal loro insediamento al Governo, a poche ore da mille promesse, la merda del mondo vestita di ignobile spirito, racconta la sua parte di veleno. Lo so, lo so, siete troppo indaffarati per aprire questo articolo, per perdere tempo con un folle loguleio che sventra il suo essere per chi neanche conosce. Il Dio che io conosco non è il vostro. Il Dio che mi strappa le viscere in occhi persi di bambine affannate e stuprate non è il vostro dio. Voi non lo avete un dio, voi siete privi di testosterone e pieni di polvere da sparo umida e inaffidabile, altrimenti non la utilizzereste contro le donne. Sono io l’ignobile, io sono quello che dite infedele, mentre il volto di Dio mi sorride e il vostro arranca nelle vostre spregevolezze. A poche ore da tutto avete anientato il tutto che nella donna vive. Forse voi arabi siete impotenti? forse il vostro membro è così inadeguato da dover opprimere la donna fino al suo annientamento. Probabilmente la vostra inutilità è la vostra ricchezza: perchè tanti esseri inutili annientano l’inutilità.

A poche ore da tutto

La vostra religione è sterco, la vostra anima è sterco, voi siete la pula menzognera dell’umanità. Un male necessario da estirpare. A poche ore dalle vostre promesse avete abolito ogni diritto alla donna, a poche ore dalle vostre promesse avete distrutto ogni conquista. Come ha detto quel pezzo di merda con il mitra? “Le donne devono avere il velo, non devono studiare e non devono fare sport“. Io non sono trash, uso le parole che devono essere usate nel momento opportuno. Il Dio che voi acclamate grande, vi odia. Qualsiasi forma sensiente vi odierebbe. Ci sarà un giorno dove gli interessi dei pochi svaniranno nel nulla. Quello sarà il giorno che incontrerete il signore oscuro, il giorno in cui le preghiere cadranno nel ventre delle donne per essere battezzate a nuova vita: la vostra morte. E’ l’8 settembre del 2021 e dopo venti anni di conquiste, in poche ore, avete riportato un mondo, il vostro, nell’oscurità totale della vostra inutilità. Per questo vorrei ringraziare in ordine sparso: USA, Russia, Francia, Italia, Gran Bretagna, Olanda, Germania e tutte le altre nazioni che erano in Afghanistan. Spero che Dio sia donna e alla fine di tutto vi faccia un culo che la metà basta.

3 commenti

  1. Pingback:La realtà dei fatti, la libera interpretazione e la falsa attitudine -

  2. Pingback:Università di Kabul: donne con il velo integrale in protesta?

  3. Pingback:Lettera aperta: la premessa delle fondamenta dell’animo -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.