Naftali Bennett: “ONU fermate la follia iraniana”
Naftali Bennett: “ONU fermate la follia iraniana”

Naftali Bennett: “ONU fermate la follia iraniana”

Naftali Bennett, primo ministro israeliano ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad agire contro l’Iran per il suo crescente programma nucleare. Non si può certo dire che l’Iran abbia rispettato i patti. Anzi le sue azioni sembrano più che mai bellicose. Qui in Israele il clima è pesante. Certo Tel Aviv no ha la stessa pressione di Gerusalemme, ma sentiamo il pericolo comuque delle sconsiderate azioni iraniane.

Naftali Bennett: le sue parle saranno ascoltate?

Saranno ascoltate le parole del primo minstro? Noi lo speriamo vivamente. Il programma nucleare iraniano non si placa, e come sempre, noi siamo il primo obbiettivo. A quanto pare, di questo è d’accordo anche Hamas, che certo è molto amico dell’iran, visto che lo sta aiutando a spianare la strada alla Cina. Per ottenere un Governo di Hamas. Bennett nella conferenza stampa fatta a Gerusalemme ha dichiarato: “La condotta dell’Iran è un problema per ogni nazione che è soggetta alla responsabilità globale.
Dopo che i colloqui tra Teheran e le potenze mondiali sul rilancio dell’accordo nucleare si sono fermati all’inizio di quest’anno, l’Iran ha violato i limiti fissati dall’accordo. Ha arricchito piccole quantità di uranio a livelli vicini alla purezza, mentre le sue scorte continuano a crescere“.

La sintonia con altri capi di Stato

Bennett ha affermato di aver incontrato alcuni leader: Joe Biden e il cancelliere tedesco Angela Merkel, ribadendo che l’Iran sta violando gli impegni internazionali di base. La Merkel, in visita in Israele ha affermato che: “La Germania rimane impegnata a rilanciare l’accordo”, un passo a cui Israele si oppone. Anche l’amministrazione Biden sta cercando di rilanciare l’accordo sul nucleare. Bennett ha affermato: “Mi aspetto che i poteri globali porteranno l’Iran al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ritenendolo responsabile delle violazioni dei trattati“.

Lapid a Washington

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid dovrebbe aver chiarito il messaggio di Israele sull’Iran. Negli incontri con il vicepresidente Kamala Harris, il segretario di Stato Antony Blinken e i leader del Congresso di entrambe le parti, Lapid ha ribadito che l’impegno deve essere comune nel rispetto degli accordi precedenti. Naftali Bennett, il mese scorso ha incontrato Biden per la prima volta come primo ministro e presidente. L’Iran durante l’incontro era in cima all’agenda. “Stiamo mettendo la diplomazia al primo posto e vediamo dove ci porta. Se la diplomazia fallisce, siamo pronti a passare ad altre opzioni”. Israele ha promesso di agire unilateralmente contro l’Iran, se necessario. L’Iran afferma che il suo programma nucleare è solo per scopi pacifici. In Israele siamo pronti al peggio. Da Tel Aviv: Rasha Farah

Un commento

  1. Pingback:Bassem Eid: "Gli USA bicottano l'economia dei palestinesi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.