Trasporto merci: rischo scaffali vuoti nei supermercati
Trasporto merci: rischo scaffali vuoti nei supermercati

Trasporto merci: rischo scaffali vuoti nei supermercati

Dal 15 ottobre c’è il rischio che il Green pass potrebbe mettere il trasporto merci in ginocchio. Secondo alcuni, Il rischio che gli scaffali dei supermercati rimangano vuoti è alto. Personalmente la ritengo una cazzata allarmistica, visto che anche durante gli svariati mesi di pandemia, non si è mai corso un simile pericolo.

Trasporto merci: i supermercati italiani potrebbero rimanere veramente vuoti?

“Il problema del green pass avrà di certo un impatto sulle imprese di trasporto e logistica creando gravi danni economici. Tuttavia gli effetti negativi di questa situazione ricadranno soprattutto sulla collettività e sulle industrie. Tutto con importanti ripercussioni sull’intera economia, già messa a dura prova dalla pandemia. Nell’autotrasporto, che in Italia muove circa il 90% della merce garantendo gli approvvigionamenti di materie prime e beni utili alla vita di tutti i giorni, viene impiegato per la maggior parte personale viaggiante straniero. Molti di questi autisti sono sprovvisti di green pass. Non necessariamente per una scelta personale di non vaccinarsi, ma perché non tutti i Paesi esteri hanno adottato lo stesso provvedimento o ‘atteggiamento’ rispetto a tale soluzione, oppure perché la vaccinazione effettuata nel Paese di origine non è riconosciuta. La situazione è dunque critica e rischia di avere un impatto devastante sul settore, già gravato da una allarmante carenza di autisti (si stima ne manchino circa 20/30 mila)”. Lo afferma la Fiap (Federazione italiana autotrasportatori professionali).

Il risvolto

Sempre secondo la Fiap, dal 15 ottobre non si rischia soltanto di vedere gli scaffali vuoti. Il rischio riguarda anche i carburanti e il blocco delle industrie. (Ma perchè no?) da The Blues Brohers, Jake: “Ero… rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C’era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C’è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio!” . Credo che in questo paese il passatempo preferito sia: vittimismo, sparare cazzate, esasperazione, allarmismo e ovviamente la Seria A Tim. Cioè fatemi capire: tutti possono fare un semplice tampone anche super rapido e i trasportatori no? Come funzione questo paese? Perchè il finto allarmismo o l’allarmismo in senso generale, deve avere un ruolo primario nelle vostre notizie? Serve per fare qualche visualizzazioni in più? Vendere qualche giornale in più? Chiaro che questo Green pass sta un po’ sulle palle a tutti, ma visto che ora per un po’ di tempo ce lo dobbiamo tenere, per fare un viaggio e un rifornimento, un tampone si potrà anche fare? Quindi non vi sembra che superare il problema sia possibile, senza lasciare gli scaffali vuoti? Che cazzari!

Green pass

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.