Springsteen vende il suo catalogo musicale alla Sony
Springsteen vende il suo catalogo musicale alla Sony

Springsteen vende il suo catalogo musicale alla Sony

Springsteen svuota i suoi successi sul tavolo della Sony. Decide di vendere il suo catalogo al più forte tra tutti gli squali del grande mare della musica. Con tutti i soldi che ricaverà dalla vendita, sono curioso se terrà fede a tutti i piagnistei fatti sulla povertà attraverso le sue canzoni.

A Springsteen Sony beneeee!

Lo notizia è caduta addosso a Billboard e poi confermata da Variety. Springsteen lavora con la Columbia Records da un bel pezzo, e di chi è la Columbia? Ovviamente della Sony dal 1972. ma un bel giorno, capuccetto Bruce, nel corso della revisione di un contratto, ha acquistato tutti i diritti sulla sua musica.
Fino a pochi anni fa, a pochissimi musicisti è venuto in mente di vendere i propri cataloghi. La questione è andata crescendo sotto pandemia, chissà, qualcuno ha pensato alla pensione anticipata, e quindi monetizzare il più possibile? Dylan ha venduto per una cifra stimata a 300 milioni di dollari il suo intero catalogo a Universal Music. Paul Simon ha ceduto i diritti su 60 anni di canzoni alla Sony, Mick Fleetwood dei Fleetwood Mac si e’ rivolto a Bmg e anche Dolly Parton sta pensando di farlo. Mentre Orietta Berti tiene duro.

Dopo Bob Dylan, Neil Young e Paul Simon, anche Bruce vende

Quindi, dopo Bob Dylan, Neil Young e Paul Simon, anche Bruce vende la sua musica. I negoziati per la cessione alla Sony dei diritti sui brani registrati del “Boss” sono vicini alla coclusione, ma ci sono ancora punti da limare. Più che arte sembra che abbiano meso in vendita un bar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.