Percezioni extrasensoriali: quando la scienza e la spiritualità entrano in conflitto
Percezioni extrasensoriali: quando la scienza e la spiritualità entrano in conflitto

Percezioni extrasensoriali: quando la scienza e la spiritualità entrano in conflitto

Vi è mai capitato di avere delle percezioni extrasensoriali? Di avvertire un qualcosa che non fosse propriamente legato ad alcunché del mondo che, normalmente, conoscete? È chiaro che stiamo parlando di fatti da cui la scienza prende le dovute distanza, ma la nostra spiritualità, sebbene arrancando, le abbraccia a pieno titolo.

Di quali percezioni extrasensoriali sto parlando?

Tra scettici e scetticismi, tra spiritualità e scienza, spesso ci accadono fatti strani e inspiegabili. Resta chiaro che le persone con maggiore empatia e un livello di spirito innalzato, abbiamo un riscontro maggiore rispetto alle persone e stremente razionali che, riconducono il tutto a una spiegazione plausibile. Molte volte mi è capitato di sentire, percepire qualche cosa che andasse al di là della comune immaginazione. Come risposta a tali stimoli, la paura e il timore la facevano da padroni. Eppure, la curiosità restava forte, alimentata dalla credenza della sottoscritta che, mai, a mancato di dire la propria verità. Bene, io resto fermamente convinta nella fede per la quale anche chi se n’è andato da questa terra col proprio involucro, lasci tracce di energia nell’universo.

Esperienze personali

Per un lungo periodo della mia vita, faticoso ed estremamente stressante, ho ricevuto segnali da chissà chi, che mi davano la forza di andare avanti. Diranno gli scettici:” è tutto nella tua testa, perché pretendi di crederci.” È di difficile comprensione, me ne rendo completamente conto, ma posso assicurarvi che non sono il tipo di persona che crede alle favole senza fare le giuste considerazioni. Per molte mattine di seguito, mentre al buio gelido d’inverno, mi accingevo a lavoro con la mia vecchia utilitaria, mi si accendeva la spia che mi avvertiva l’inserimento sul quadro delle quattro frecce. Un guasto di sistema? Tutto era possibile. Dopo aver accuratamente fatto visionare l’auto, la risposta era la medesima: “signorina, non c’è niente che non vada..” mio malgrado, una mattina di queste, abbassando lievemente il volto sul pulsante poc’anzi citato, vidi con estrema incredulità, lo stesso premersi da solo.

La paura oltre la curiosità delle percezioni extrasensoriali

Ricordo che dopo tale episodio scesi di corsa dalla macchina, rimasi lì per cinque minuti buoni, con l’affanno e l’aria di chi, i fantasmi li aveva visti sul serio. Il fatto, accadeva sempre in un solo punto della strada di percorrenza che divideva casa mia dal luogo di lavoro. Cominciai allora a farmi delle domande e, scoprii che, in quel preciso tratto, una ragazza perse la vita. Quando abbracciai a pieno il senso stesso di ciò che mi capitava, lasciando andare i miei demoni, ebbi finalmente la pace. Questo è solo uno dei tanti episodio che, negli anni, ho visto verificarsi accanto a me, alludendo di fatto a percezioni extrasensoriali che mi vedevano coinvolta.

Le onde magnetiche come mezzo di comunicazione

Ancora, le onde magnetiche sembrano essere uno dei mezzi preferiti di comunicazione fra noi e l’altro mondo, se così vogliamo chiamarlo. Televisori che si accendono da soli, tastiere che iniziano a scrivere qualcosa che, apparentemente sembra essere insensato. Eppure, io reputo tutto ciò qualcosa di estremamente meraviglioso, nonostante pretenda di rimanere razionale e indagare a fondo sui fatti. Se così davvero fosse, come io credo che sia, non sarebbe un evento meraviglioso? Imparare ad ascoltare l’inaudibile diverrebbe motivo di estrema spiritualità, il tutto condito a una profonda fede che, ci contraddistingue un po’ tutti, in fondo..

Un commento

  1. Pingback:I coniugi Warren: tra spiritismo e percezioni demoniache -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.