Buste paga: ora più ricche per favorire il rientro delle madri
Buste paga: ora più ricche per favorire il rientro delle madri

Buste paga: ora più ricche per favorire il rientro delle madri

Le mosse del coverno sulle buste paga per favorire le lavoratrici madri fanno ben sperare. La legge di Bilancio 2022, punta a invertire la rotta sull’occupazione femminile e sul gender pay gap.

Buste paga: cosa arriva per le mamme?

Il Governo stabbilisce le nuove regole, che sembrano ben studiate a favore delle lavoratrici mamme. Sconto del 50% dei contributi previdenziali a carico delle lavoratrici che rientrano dal congedo obbligatorio di maternità, per un anno. Congedo obbligatorio e retribuito anche per i padri, che diventerà strutturale, dal 2022, e durerà 10 giorni, da fruire entro i cinque mesi di età del figlio. Più risorse per il Fondo di sostegno alla parità salariale di genere, che ottiene 52 milioni all’anno (contro i due milioni stanziati l’anno scorso), sempre dal 2022.

Ma come è il mondo del lavoro oggi?

Secondo i dati ISTAT, c’è ancora uno squilibrio importante tra occupazione femminile e maschile. Nonostante la crescita dei posti di lavoro registrata a settembre 2021, resta il fatto che una donna su due ancora no ha lavoro. iil tasso di occupazione generale 58,3% è il risultato di una media fra il 67,4% di occupazione maschile e il 49,3% di occupazione femminile. Oltre agli interventi economici, il Ddl di Bilancio prevede l’adozione di un Piano strategico nazionale per la parità di genere, “in coerenza con gli obiettivi della Strategia europea per la parità di genere 2020-2025”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.