MALEvolo come la VOLOntà di governare il male
MALEvolo come la VOLOntà di governare il male

MALEvolo come la VOLOntà di governare il male

Da sempre e per sempre sarà malevolo l’atteggiamento che alcuni usano per violare le vite delle persone. La volontà di determinare una struttura sociale costruita sulla falsa certezza della democrazia, o se meglio credete: della compartecipazione popolare.

MALEvolo?

Striscianti adescatori di speranze, rigettate come un esorcismo nel viso ormai logoro di una impossibile Repubblica. Colui che spesso si appresta a Governare ha già messo da parte Santi e santini. Coloro che seguono il Re devono spesso esser re e schiavi in egual misura. Sussurratori dell’oblio, anime nere, capitani di ventura, questo il profilo creato per chi si offre alla politica. Istigatori di truffe, raggiri, spergiuri, garzoni mafiosi, una mafia pagata al loro servizio o all’occorrenza viceversa. Ci sono più nomi da fare che nomi da nascondere, ma spesso confondiamo il dovere con il dovuto quindi: il silenzio cala. Usano voti e menzogne, truffe e ricatti, soltanto per aver possesso della vita sociale delle persone. Renzi, Salvini, Meloni, Berlusconi, Conte, Letta, Draghi, Mattarella, veramente credete siano al servizio del popolo? Non fermatevi al finto movimento politico che fanno verso il popolo creando leggi che di rimbalzo servono a loro. Intrighi all’interno del transatlantico della paura in un oceano che ne dirige la rotta: inaffondabile. Se volete comprendere (ovviamente in forma bucolica) i veri intrighi parlamentari, imparate a giocare a briscola in cinque, quella che a Roma chiamiamo: briscola busciarda!

Perseverare nel male

Ogni azione che genera una legge, allo stesso tempo genera un intrigo e un guadagno per chi occupa le poltrone. Spesso la stessa legge striscia tra i banchi parlamentari alla ricerca di una alleanza, che mette di fatto un Governo in minoranza, ma genera sottorapporti utili all’intrigo stesso. Renzi vota con Salvini, Salvini con la Meloni, mentre Berlusconi giura fedeltà a Draghi per almeno due anni. Questo mentre la pseudosinistra di Letta vende le sue quote rosa in cambio di un riconoscimento sociale ed elettorale. E mentre il M5S vaga cercando di terminare o determinare la sua istituzionalizzazione, l’Europa e il resto del mondo, diventano partner di fatto, per lo sviluppo economico attraverso l’utilizzo delle pompe funebri: caso Covid. Esiste un mondo virtuale nel quale vivono lobotomizzati che si fanno la guerra senza sapere il perché. Folli adulteri del conveniente o dello scorrettamente conveniente. I fautori della teoria dell’automobilista e del pedone 3.0.

MALEvolo come noi

Il male è nella VOLOntà di ritenerci capaci di comprendere chi determina il nostro cammino. Siamo stati addormentati da un virus esploso in un mese dal buco del culo del mondo. Addormentati con il lockdown e flashmob romantici e malinconici. Poi, sapientemente rincoglioniti, siamo diventati complottisti, ma visto che questo non rendeva al nostro caso, abbiamo accettato come tossici, dosi finalizzate ad a,tre dosi. Così ci hanno messo l’uno contro l’altro, a farci la guerra anti o pro qualcosa che ha il valore di una scorreggia. Ma in tutto questo loro cosa hanno fatto? Di fatto, oltre che a militarizzazione l’Italia, a trasformare il Ddl Zan e la legge sulle pensioni in un circo, direi che ci hanno insegnato come si tradiscono gli accordi. Una volta un lettore mi disse di usare un linguaggio troppo istigatorio alla rivoluzione. Dopo mesi vorrei rispondere a quel lettore dicendo che a confronto di ciò che meriterebbero, il mio linguaggio è più docile di quello di chierichetto.

Ma come si muove strana questa politica

Visti i tempi e fatti, l’uomo più moderno di questo ultimo decennio è: Papa Bergoglio. C’è poco da scherzare, mentre 3/4 di mondo muore di fame o sotto le bombe di qualche guerra dimenticata, lui ha riallacciato i rapporti con l’islam moderato, aperto un canale cinese morto non si sa da quanto, e soprattutto aperto una breccia storica sulla questione lgbtq. Più che il Vaticano sembra l’Olanda. Spesso ci facciamo ingannare dall’aspetto delle cose, ma dobbiamo tener conto che spesso è proprio la struttura più arcaica ad essere la più moderna. Se guardate la Chiesa con attenzione, vi rendete conto che muove la sua politica in funzione dei tempi. È vero spesso troppo lentamente ma con astuzia. E mentre gli altri, attraverso raggiri politici ed economici, si inchiodano alla ricerca dell’isola che non c’è, chi è saggio e più maturo sa come fare per prendersi il resto. Direte il resto di che? Di tutto in realtà, dove muore il corpo, regna il ricatto delle anime. E già, pensate a quello che si considera uno degli ultimi processi del potere temporale: Targhini e Montanari. Nel dialogo finale la raccomandazione del rivoluzionario al rappresentante del potere papale… il boia mastro Titta.

Montanari: Eh, caro Mastro Titta, dopo la rivoluzione francese e l’impero di Napoleone, che fecero li sovrani radunati a Vienna? Dissero “giovanotti, dalla Bastiglia ad oggi non è successo niente. Se ritorna a Luigi XVI” e se rimisero le parucche. Per cui annullarono tutto: la scienza, le scoperte, le invenzioni. Tutto. Meno che ‘na cosa.

Mastro Titta : Che cosa?

Montanari: La ghigliottina.

Mastro Titta : Ah, già è un’invenzione vostra, de li rivoluzionari.

Montanari: E’ l’unica cosa al mondo, oggi, che non puzza de vecchio e de decrepito è la ghigliottina. Voi sete l’omo più moderno de Roma, a Mastro Ti’, l’avvenire è vostro.

Dopo i corpi morti, gli intrighi ecc… il peso delle anime porge sempre il suo conto.

Un commento

  1. Pingback:Governo Draghi: l'intrigo nella notte insieme a Mattarella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.