Giappone: la variante Delta si è autodistrutta
Giappone: la variante Delta si è autodistrutta

Giappone: la variante Delta si è autodistrutta

Il Giappone sembra un altro mondo ripetto alle follie occidentali un mondo rovescio. La variante Delta del Covid sembra scomparsa e molti scienziati nipponici si chiedono: “Possibile una autoestinzione?”, ce lo chiediamo anche noi, mentre i nostri territori bruciano di follia.

Giappone: la nuova verità o l’unica verità?

Secondo un gruppo di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Genetica e dell’Università di Niigata, le mutazioni della proteina nsp14, responsabile della correzione degli errori di copiatura durante la replicazione virale, avrebbero causato un malfunzionamento della stessa, rendendo di fatto impossibile la replicazione del virus. Sembra una vera liberazione, come a dire: il virus si è guastato. Non so se possiamo definirlo così, ma la spiegazione degli scienziati di Niigata, sembra andare in quella direzione. Un difetto del Virus che ha autodeterminato la sua morte. Insomma, dopo tanto parlare, abbiamo anche la possibilità di un suicidio del virus. Anche se il Giappone è ancora alle prese con il coronavirus Sars-CoV-2, emerge una profonda speranza.

Il Covid si sta suicidanto

La variante Delta in casa giapponese è scomparsa. L’elevato tasso di vaccinazione e l’introduzione di varie misure anti-Covid hanno portato a questo importante risultato, ma secondo alcuni ricercatori la mutazione Delta potrebbe essere sparita soprattutto per un’altra ragione. “La proteina nsp14, responsabile della correzione degli errori di copiatura durante la replicazione virale, avrebbero causato un malfunzionamento della stessa, rendendo di fatto impossibile la replicazione del virus“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.