Le mummie dei bambini sepolti dai Cappuccini a Palermo
Le mummie dei bambini sepolti dai Cappuccini a Palermo

Le mummie dei bambini sepolti dai Cappuccini a Palermo

Il convento dei Cappuccini a Palermo è annesso alla chiesa di Santa Maria della Pace dove si trovano le mummie di bambini. I frati ci si stabilirono nel 1534, nel 1783 decisero di concedere sepoltura a chiunque potesse permettersi i costi dell’imbalsamazione e dal 1787 iniziarono ad accettare anche bambini.

Le mummie non sono un crimine nascosto?

Sul fine del XVI secolo, divenuta insufficiente, i frati decisero di dotarsi di un cimitero più grande. Iniziò quindi lo scavo delle Catacombe dietro l’altare maggiore, sfruttando probabilmente la presenza di antiche grotte di tufo. E fu così che, in occasione della traslazione delle reliquie dall’antica fossa, i frati si accorsero che 45 corpi erano rimasti intatti, si erano cioè mummificati naturalmente. La notizia suscitò grande interesse e i frati iniziarono ad accogliere un numero sempre maggiore di salme. Le mummie trovate non sono frutto di un crimine celato, bensì un vero servizio, a pagamento ma servizio. È la più grande collezione di mummie in Europa. Sembra lugubre ma non lo è. Oltre 1.284 corpi mummificati in 300 mq di gallerie costruite dai Cappuccini dalla metà del Cinquecento e utilizzate fino agli inizi del XX secolo.

Ma che luogo è?

Un luogo di mestizia divenuto una macabra attrattiva turistico-culturale e che da qualche tempo si è iniziato finalmente a studiare. Il Museo o meglio il suo studio è Finanziato dall’Arts and Humanities Research Council,  e supervisionato dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali palermitana. Lo studio esaminerà le 41 mummie conservate nella cosiddetta Cappella dei Bambini, le più accessibili. Obiettivo principale della ricerca, guidata da Kirsty Squires, bioarcheologa esperta di etica è riuscire ad ampliare la conoscenza su questo gruppo di mummie. Galileo come sempre ci offre lavori incredibili e approfondimenti unici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.