Netanyahu ha resistito alle pressioni americane, e Bennett?
Netanyahu ha resistito alle pressioni americane, e Bennett?

Netanyahu ha resistito alle pressioni americane, e Bennett?

Netanyahu ha resistito alle pressioni americane, quello che ci domandiamo e se Bennett sarà in grado? Nello scontro Bennet-Biden, non c’è solo la spina nel fianco del nucleare iraniano, ma anche il disconoscimento dell’operato di Trump riguardo la politica internazionale, con l’inclusione di Israale.

Netanyahu ha resistito?

Infatti la strana opzione di Biden è aprire presto un consolato a Gerusalemme, proprio come disconoscimento di tutti i precedenti rapporti. Ricordiamo che l’operato di Trump verso Israele è stato eccellente, riuscendo a stabilizzare i rapporti con la maggior parte dei paesi arabi. Biden vuole cancellare il riconoscimento di Gerusalemme da parte dell’amministrazione Trump come capitale di Israele. Questo è l’operato di un folle. Il risultato del lavoro di Biden si vede dal tonfo dei suoi consensi in patria.

Ricordo le parole di Bennett

 “La condotta dell’Iran è un problema per ogni nazione che è soggetta alla responsabilità globale.
Dopo che i colloqui tra Teheran e le potenze mondiali sul rilancio dell’accordo nucleare si sono fermati all’inizio di quest’anno, l’Iran ha violato i limiti fissati dall’accordo. Ha arricchito piccole quantità di uranio a livelli vicini alla purezza, mentre le sue scorte continuano a crescere“. Sembra che questa idea non riguardi più di tanto gli USA. La questione si sta spostando sullo spionaggio. Cioè sembra, da quanto riferito da fonti dello spionaggio Israeliano, che siano loro a controllare le mosse iraniane e americane. Quindi, la mia personale idea è che il politicamente scorretto sarà il passo più importante. Forse gli americani si accontenterà accontenteranno di qualcosa di superficiale, come la promessa di non utilizzare il nucleare, con la super visione cinese? Magari in cambio di una Taiwan libera?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.