D’Alema dice: “una donna per il Quirinale”
D’Alema dice: “una donna per il Quirinale”

D’Alema dice: “una donna per il Quirinale”

Ora vorrei che quei grandissimi cognioni che hanno riso al mio post “Casellati Presidente della Repubblica” si eclissino, Massimo D’Alema, l’emimemza rossa ha dichiarato: “L’ora per una donna al Quirinale“. Ora avete capito chi comanda realmente in Italia?

Eh gli altri muti!

Anche per D’Alema sarà la Casellati?

Non si sbilancia uno dei capi segreti di questo paese. A governare questa terra, oltre all’Europa, sono le fondazioni e i paperoni. Ahhhh, pensavate fossero i burattini neanche votati? Massimo D’Alema fa un ragionamento ampio, profondo, e neanche troppo politichese. “È evidente che occorre un dialogo tra le maggiori forze politiche per individuare, anche eventualmente al di fuori dell’impegno istituzionale, personalità che abbiano qualità e prestigio per assolvere ai compiti del capo dello Stato. Io ritengo che ve ne siano e penso che sarebbe una scelta importante se dopo settant’anni di storia repubblicana il Parlamento si mettesse in grado di eleggere una donna al ruolo più alto di garante della democrazia. Non si dovrebbe sottovalutare il valore di questa indicazione che rappresenterebbe, a mio giudizio, una potente spinta a una valorizzazione in tutti i campi delle energie femminili, questione questa che continua a rappresentare la sfida più importante per la crescita civile e lo sviluppo economico del nostro paese”.

Quindi l’indicazione è data

Niente di più vero. L’eminenza rossa non specifica i nomi ma fa di più, indica, non a caso, il Presidente della Repubblica come: donna al ruolo più alto di garante della democrazia. Ora se fate qualche passo nel passato, scoprirete tante cose della Casellati che vi sfuggono, o non ricordate. Non sono lo sponsor della Casellati. Ma sono sicuro che sarà la donna prima scelta, soprattutto per ruoli svolti in passato. “La classe dirigente del centrosinistra ha intrapreso molti passi nella direzione giusta. Oltre a svolgere con responsabilità ed efficacia il compito di contribuire al governo del paese in una fase difficile. Oggi occorre molto coraggio. Però per completare l’opera e portare fino in fondo un processo di rinnovamento senza il quale non è facile che si possa tornare a vincere”. Ed eccolo qua il cuore del discorso: “Però per completare l’opera e portare fino in fondo un processo di rinnovamento senza il quale non è facile che si possa tornare a vincere“. Da grande stratega invita la sinistra a far partire il rinnovamento. Rinnovamento che si dovrà compiere fuori e dentro il Parlamento.

Un commento

  1. Pingback:D'Alema rientra nel Pd: "Guarito dal renzismo" - Il Grillo Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.