Let’s twist again: destreggiarsi leggiadramente tra zone colorate, ancora
Let’s twist again: destreggiarsi leggiadramente tra zone colorate, ancora

Let’s twist again: destreggiarsi leggiadramente tra zone colorate, ancora

Avete presente il twist? Quel gioco con il tappetino colorato dove si devono mettere mani e piedi su un determinato colore? Ecco, pare che stiamo giocando a creare zone colorate. Chi lo sa, una sorta di Monopoli monopolizzato dallo Stato? Let’s twist again ragazzi!

Let’s twist again: ma l’economia che fine farà?

Pronostico ottimista? Si spera che l’anno prossimo possa essere più fruttuoso, ma intanto, adesso, let’s twist again! Eh già, destreggiamoci leggiadri fra colori che sbiadiscono, poi rinsaviscono e rifioriscono come le viole di Rino Gaetano. E l’’economia italiana, nel baratro più totale, si scontra con il mercato mondiale. E lì, ne siamo pieni fino al collo. E avete capito bene, senza ulteriori utilizzi di francesismi, di cosa sto parlando. Considerando, molto positivamente, ah no Cristo, pensare positivo non è più di moda. Allora diciamo, ottimisticamente, che l’anno prossimo il Covid se ne vada in vacanza, o meglio in esilio perenne, il problema dello strascico sarà infinito. Ce ne rendiamo conto?


Vaccino Pfizer cala dopo pochi mesi: lo studio israeliano


La fine della pandemia non sarà la ripresa dell’economia

No. Quando la pandemia finirà, l’economia mondiale, faticherà a coprire costi di perdite ingenti e si ritroverà ancora sotto zero, probabilmente più di prima. Molti credono che, con la fine del virus, corrisponda esattamente l’inizio di una ripresa. Ma di che? Semmai ci sarà da risanare un complesso totale che ammonterà a cifre esorbitanti, che non siamo nemmeno in grado di immaginare. La situazione lavorativa peggiorerà, ma per quella, ahimè, non esiste mica un vaccino. Né sperimentale né conclamato. Saremo nelle mani di economisti, analisti che riprendono la loro positività ( scusate, ancora la parola proibita e proibitiva😏) e sarà il nulla sul nulla.

Jingle bells, jingle bells caro amico Covid

Ma ancora nessuno ha ben pensato di integrare questo covid nella società del clima natalizio? Così, giusto per farlo sentire a casa. Ormai, siamo ben abituati a viverci insieme.. che, gli vogliamo far passare l’intero periodo natalizio da solo? Non mi sembra corretto. Lui con noi, non l’ha mai fatto. L’estate l’ha sempre passata per fatti suoi, abbandonandoci per circa tre mesi. Ma a Natale, torna sempre a casa, ed è talmente affettuoso, da passare casa per casa. Poca considerazione a coloro che sono vaccinati (d’altronde lo vedono spesso) mentre per chi lo ha snobbato, l’affetto è di certo maggiore. E noi non glielo vogliamo far passare un periodo festoso? Su.. si sa, a Natale siamo tutti più buoni.. si, tutti tranne lui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.