La falsa informazione corre sul filo del denaro
La falsa informazione corre sul filo del denaro

La falsa informazione corre sul filo del denaro

Sono mesi e mesi che seguo scempi creati da testate online che creano: La falsa informazione. Grandi testate ridotte ad azioni mediatiche di una bassezza unica, che rende il loro ricordo un tempo così lontano da non essere più neanche tempo.

La falsa informazione da dove viene?

Le grandi testate della vergogna, pagate da padroni bravi a renderli schavi. Messaggero, Tempo, La Stampa, Corriere, Trade online, Libero Quotidiano: questo è l’ignobile identikit degli ultimi tempi. Per mesi e mesi, sono stati come sciacalli sulle notizie da falsificare provenienti da sinistra. Per fare un esempio, si sono accaniti sul RdC come se fosse il veleno dei veleni. Gettavano ingiurie contro i pentastellati e Pd, e ancor di più su tutto il Governo Draghi per averlo rifinanziato. Godevano come maiali a replicare ingiurie giorno dopo giorno, fino a quando Berlusconi non si è schierato con i 5 Stelle. Da quel momento i lecca culi dei paperoni si sono ammutoliti sul Reddito di Cittadinanza. Un comportamento da veri servi che tentano indiscriminatamente di influenzare con falsa informazione, l’informazione stessa. Ma forse la realtà delle realtà è molto semplice: dopo di noi i grandi giornalisti li ha solo il fatto Quotidiano e il Foglio, il resto deve fare i conti con i soldi che gli regalano. Lo so è presuntuoso ma non me ne frega nulla.

Ignobile la falsità ma soprattutto il tentativo di ingannare

Un altro esempio è l’impegno dimostrato per abbattere l’immagine di Bergoglio. Lo so la maggior parte di voi è stanca di Papi, preti e suore, ma se seguiste solo un pochino questo Papa, vi rendereste conto della sua importanza in questi tempi oscuri. Bene, questi signori non hanno fatto altro che inventare storie su presunte false elezioni a Papa, su un possibile ricatto verso Benedetto XVI, addirittura che sia stato Bergoglio a cacciare il Papa emerito. Tutte queste cose si sono ovviamente rivelate delle ignobili falsità, nascondendo indegnamente le magnifiche modifiche alla costituzione vaticana fatte da Papa Francesco. Questi due esempi sono soltanto la punta dell’iceberg. Questi signori si sono piegati alla pesante pressione del comando, fino a non dichiarare veri dati riguardo a Covid, vittime e contagi.

La falsa informazione sul Covid

Che il Covid esista noi non lo abbiamo mai negato. Ma quello che invece abbiamo negato è il suo effetto e l’informazione che è stata fatta da queste testate ben pagate. Hanno avuto la costanza di appoggiare indegnamente i comunicati del Governo, e non considerare quelle esterne al Governo. Ovviamente le fonti esterne non pagano, ma i paperoni che sono al Governo e che sono anche i vostri padroni quelli si che pagano. Perchè non avete accettato, e sono tante, le testimonianze di persone che hanno dichiarato che gli è stata estorta la dichiarazione: morto per Covid? E già, non sono poche le persone che hanno inveito contro medici e strutture ospedaliere a causa di questa falsità. Parenti morti per attacchi cardiaci, ictus o tumori, a cui è stata appicchicata in cartella clinica morto per Covid. E sappiamo che giro di soldi c’è dietro tutto questo. Ma ai vostri padroni serviva il Covid, il green pass, il vaccino… e voi fogne ben pagate manomettete l’informazione uccidendo la verità. La falsa informazione è ormai la regola e non più l’eccezione.

Un commento

  1. Pingback:Il paese delle categorizzazioni: ma la colpa è dei Media e dei giornalisti -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.