I talebani e il nuovo decreto sui matrimoni forzati: mossa mediatica?
I talebani e il nuovo decreto sui matrimoni forzati: mossa mediatica?

I talebani e il nuovo decreto sui matrimoni forzati: mossa mediatica?

Con l’istituzione del Governo talebano, molti diritti sono andati persi. Quelli acquisiti durante un ventennio di emancipazione, sono regrediti fin quasi a sparire: diritti delle donne per la maggior parte. I talebani e il nuovo decreto sui matrimoni forzati, quindi, appare più una mossa mediatica che l’intenzione di cambiare davvero un aborto mondiale.

Che cosa dicono i talebani e il nuovo decreto sui matrimoni forzati?

Pare che il movente di tale gesto, sia dettato dall’opportunità che dovrebbero avere e bambine, di istruirsi andando a scuola e vivere un infanzia adeguata al periodo intrinseco dell’età. Adesso, analizzando questo passaggio, qualche nodo viene al pettine. Con l’istituzione di questo Governo, infatti, sono venuti meno moltissimi diritti delle donne. Quindi, credere che i talebani, vogliano pensare a preservare il futuro delle bambine, che da donne, verranno trattate in tal modo, ha poco senso. Ed è proprio per tale motivo, che credo fortemente, si tratti solamente di una mossa mediatica.


Afghanistan: le donne devono stare lontane dagli uomini


Una mossa mediatica per accaparrarsi la fiducia mondiale

Al fine dell’analisi fatta, possiamo dire che tale decreto, sia atto solo a sollecitare il cuore degli Stati mondiali. O, a fargli credere, che la linea utilizzata, vada incontro al mondo occidentale. Ma alle fatte fini, non ci aspettiamo davvero un cambiamento radicale. Cambiamento, che, come ho detto poc’anzi, si estenderebbe alla vita adulta di una donna. Ma sebbene queste, si sono viste togliere qualsiasi diritto, ciò, non ha senso di esistere. Capite la sottile allegoria che i talebani hanno creato? Si tratta solo di una mossa. La mossa, sarebbe universalmente rivolta a placare gli animi di coloro che, in prima persona, si sono occupati dei fatti ( per modo di dire).

Un cambiamento che non è o sarà mai tale

Ed eccoci al punto primario. Collimano argomenti, forze statali e poteri decisionali. Perché laddove qualcuno vuol farci vedere un barlume di luce, il buio è più pesto. E questo, è un dato di fatto. Investire sul futuro femminile, introducendo un decreto contro matrimoni forzati, significa produrre un futuro migliore. E dato che, la discriminazione di genere, ha regredito a livelli esponenziali, questo decreto, per noi, resta un effetto placebo della società mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.