Accordo firmato tra il comandante dell’esercito libanese e Del Col
Accordo firmato tra il comandante dell’esercito libanese e Del Col

Accordo firmato tra il comandante dell’esercito libanese e Del Col

Accordo firmato tra il comandante dell’esercito libanese e Del Col. Firmato un accordo esecutivo per fornire aiuti all’esercito nel sud del Litani. Importante incontro che determina una azione definita, soprattutto da parte delle forze di pace italiane.

Accordo firmato o accordo imposto?

Il Comandante dell’Esercito Libanese, Generale Joseph Aoun, ha incontrato il Comandante della Forza ad Interim delle Nazioni Unite in Libano, Stefano Del Col. È stato firmato l’accordo esecutivo della Risoluzione 2591. La risuluzione prevede la disposizione di aiuti, delle unità militari delle Nazioni Unite, che svolgono missioni congiunte con “UNIFIL” nel settore meridionale del Litani. Il 30 agosto, con un giorno di anticipo sulla scadenza, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite rinnovò di un anno il mandato della forza di pace a guida italiana UNIFIL nel Libano meridionale. La risoluzione mantiene il mandato e i compiti principali di UNIFIL per come sono stati stabiliti nella risoluzione 2539 del 28 agosto 2020.


L’inferno di Beirut


La lettera mandataria

In una lettera del 24 giugno al segretario generale dal Libano, Zeina Akar, ministro libanese ad interim per gli affari esteri e gli emigranti, aveva chiesto l’estensione annuale “senza modifiche al mandato di UNIFIL, al suo concetto di operazioni e alle sue regole di ingaggio”. In risposta, il segretario generale Antonio Guterres aveva raccomandato la proroga. Indubbiamente la guida italiana è risultata eccellente. Certamente non invasiva come quella terroristica francese. Del resto tutti ormai sanno che era Francia a foraggiare il terrorismo. Lo hanno sempre fatto. La specialità di Macron è quella di creare illusioni. Sia dal Libano che dalla Siria si alza questa affermazione: Macron è colpevole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.