L’aeronautica israeliana si sta preparando per la guerra in Iran
L’aeronautica israeliana si sta preparando per la guerra in Iran

L’aeronautica israeliana si sta preparando per la guerra in Iran

L’aeronautica israeliana si sta preparando per la guerra in Iran, ormai data come una certezza. Il comandante dell’aeronautica Maj. Gen. Amikam Nurkin, vestito con una tuta da volo è entrato lentamente nell’ufficio del 201° comandante dello squadrone noto come “One Squadron”, che opera con aerei “Storm” (aeromobili F16) nella base di Ramon nel Negev e ha preso posizione alla scrivania.

L’aeronautica israeliana è pronta?

Nurkin guarda l’enorme tabellone sul muro: numeri e caratteri piccoli, il grafico dell’addestramento è visualizzato accanto alle attività dello squadrone di combattimento. “Ogni comandante di squadriglia sa esattamente cosa farà domani, tra una settimana, tra un mese e fino alla fine dell’anno. Pianificazione contro esecuzione“. Il maggiore generale Nurkin afferma: “Più accurata sarà la pianificazione, più risorse troveremo e più qualificati saremo“. La scorsa settimana, il capo di stato maggiore, Aviv Kochavi aveva approvato il grafico dettagliato dell’addestramento dell’aeronautica per il piano di attacco in Iran, che comunque rimane un profondo segreto. Gli alti funzionari della difesa stimano che l’Iran, vista la sua condizione economica traballante, risponderanno debolmente all’attacco. Nonostante sia sopravvissuto alle dure sanzioni di Trump, soffre ancora di gravi problemi economici.

La conseguenza

La grande domanda è se Israele riuscirà a convincere gli americani a non cadere nella trappola iraniana che sta ritardando il processo di negoziazione. Mentre secondo Israele, bisognerebbe intensificare la pressione attraverso nuove ed efficaci sanzioni per raggiungere un accordo migliore, e nel contempo prepararsi alla guerra. Sono parole dure, ma qui si respira aria di preparazione alla guerra. Israele è intento a creare piani per attaccare in maniera chirurgica l’Iran, una cosa che porterebbe a conseguenze devastanti.

Un commento

  1. Pingback:Fariba Adelkhah: il ritorno in carcere della ricercatrice franco-iraniana -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.