UNRWA non aiuta i rifugiati palestinesi, li istituzionalizza
UNRWA non aiuta i rifugiati palestinesi, li istituzionalizza

UNRWA non aiuta i rifugiati palestinesi, li istituzionalizza

L’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione, non aiuta i rifugiati palestinesi, li istituzionalizza. L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro, è uno dei principali ostacoli alla pace tra Israele ei suoi vicini. L’UNRWA è stata costituita nel 1949 per aiutare gli arabi fuggiti da Israele, ad assimilarsi negli stati arabi circostanti. Al contrario ha prolungato la disputa israelo-palestinese rifiutandosi di aiutare i rifugiati a integrarsi nei paesi ospitanti. Ha perpetuato la falsa speranza di un “diritto al ritorno” palestinese.

UNRWA ha ammesso di collaborare con Hamas?

Tuttavia, il presidente Biden ha ripreso a finanziare l’UNRWA, nonostante la sua cooperazione in corso con i gruppi terroristici. Nella storia ricordo i pogrom arabi scatenati da Haj Amin al-Husseini, il quale sosteneva che gli ebrei avrebbero distrutto la moschea di Al-Aqsa. I genitori di mia madre e i genitori di mio padre sono stati vittime della violenza araba e della folla omicida nella loro città natale, Gerusalemme. Come profughi ebrei palestinesi senza un soldo, furono costretti a fuggire e cercarono sicurezza e protezione a New York. Mia nonna Sarah, ha ricordato come suo padre, salvò la vita di un rabbino al Muro del Pianto proteggendo il suo corpo insanguinato dagli aggressori arabi. Folle violente si aggiravano per i vicoli di Gerusalemme, rispondendo alle esortazioni degli imam locali a cacciare gli ebrei dalla terra.

Una terra distrutta

I genitori di mia madre vivevano nel quartiere di Sheikh Jarakh a Gerusalemme ed erano spesso terrorizzati dalla folla e dagli aggressori arabi. La famiglia di mio padre, ha vissuto in Palestina per secoli, principalmente a Safad e Gerusalemme. Mio nonno era il nipote di colui che costruì 11 quartieri di Gerusalemme, tra cui Meah Shearim e Nahlat Shivah (“l’insediamento dei sette”). Nel 1869, lui e sei amici si unirono per costruire una comunità fuori le mura della Città Vecchia di Gerusalemme. Secondo la definizione dell’UNRWA, molti dei miei familiari potrebbero essere considerati “rifugiati”. Ma tutti hanno costruito vite di successo senza sussidi dell’UNRWA e senza essere nutriti con menzogne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.