I parolieri travestiti d’inganno: fidarsi dei fatti ci salva l’anima
I parolieri travestiti d’inganno: fidarsi dei fatti ci salva l’anima

I parolieri travestiti d’inganno: fidarsi dei fatti ci salva l’anima

Quanto è bello essere uno scrittore, un poeta. Saper utilizzare le parole nella misura in cui ci piace, nella misura in cui il nostro spirito le sta assorbendo. Ma questo, discerne completamente da una categoria che io amo chiamare i parolieri travestiti. E adesso vi spiego di cosa si mascherano.

Chi sono i parolieri travestiti d’inganno?

Per me una tastiera e un caffè caldo, regolano ogni mia tipologia di giornata. E non credete che io, abbia il diritto o il dovere verso qualcuno di scrivere a macchinetta per essere accondiscendente alle richieste altrui. No.. non si tratterebbe di me. Io ho bisogno di fare serie introspezioni e visualizzazioni prima di tirare fuori tutto quello che dentro rimugina, come nella bocca della mucca Lola😂. Che questo sia un giornale anticonformista mi auguro che, ad oggi, l’abbiate compreso. Ed è proprio per questo che lo apprezzate, non è vero? Ci prendiamo le responsabilità di ciò che scriviamo, ma ancor prima di ciò di cui parliamo. E non ci vestiamo di maschere, né scendiamo a compromessi comprovati dal desiderio di denaro.


Il grido imponente al cospetto del prepotente: la necessità del silenzio


L’interesse che muove il motore del mondo

I parolieri travestiti d’inganno, si mostrano agli altri, come i risolutori stessi delle problematiche individuali. Degli altri certo, sebbene non siano in grado nemmeno di comprendere se abbiano loro stessi dei problemi da risolvere. Ma hanno la necessità di infilarsi nelle vite altrui, con la credenza di smuovere coscienze al loro cospetto. Agiscono ad incastro, mettendo parole che esprimono positività ( oddio che ho detto..🤫) a caso, ma adoprando di fatto, per sentirsi qualcuno che nella realtà dei fatti non sono. Si nascondono per lo più fra le anime corruttibili da un sistema che è divenuto perfino stanco di se stesso. Queste, che non riescono a soppesare la vita, si affidano a chiunque. Ma quel chiunque non farà altro che aggiungere problematiche al concetto stesso.

Solo i fatti ci salvano l’anima e lo spirito

Le parole sono così belle, non è vero? Eppure le stesse, senza successione di fatti, restano quello che sono: una bella premessa. E i parolieri travestiti d’inganno, lo sanno bene. Ed è proprio per questo motivo, che loro, non vogliono mettere in pratica ciò che dicono. Non danno dimostrazione che tali parole abbiano un fondamento spirituale, bensì semplicistico di quello che vogliono essere e basta. Ecco perché molto spesso le persone, sentono la delusione del prossimo, si sentono abbandonate a loro stesse. Sì, certo, con dei preamboli bellissimi, delle filosofie ancora migliori. Ma che tali resteranno, finché non si deciderà di allontanare quel preciso elemento dalla nostra vita.

Un commento

  1. Pingback:L'Iran diventerà membro della Commissione delle Nazioni Unite?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.