Dai capi delle Chiese cristiane accuse infondate verso Israele?
Dai capi delle Chiese cristiane accuse infondate verso Israele?

Dai capi delle Chiese cristiane accuse infondate verso Israele?

Dai capi delle Chiese cristiane accuse infondate verso Israele? “Le accuse che figurano nel documento dei leader della Chiesa sono infondate e distorcono la realtà della comunità cristiana in Israele”. È ciò che ha dichiarato Lior Hayat, il portavoce del ministero degli esteri israeliano. È la risposta, seccata e faziosa, ad un testo scritto dai Patriarchi e i Capi delle Chiese cristiane, che avvertono un serio pericolo arrivare da parte di “frange radicali” ebraiche.

Dai capi delle Chiese cristiane arriva la verità?

Le frange più radicali ebraiche hanno, di fatto, iniziato ad attaccare la dottrina cristiana. Soprattutto riguardo alle sfumature che esaltano la divinità del Cristo. “La popolazione cristiana in Israele, Gerusalemme inclusa gode di piena libertà di religione e di culto, cresce di continuo ed è inserita nel particolare tessuto sociale di Israele. Dal giorno della sua fondazione lo Stato di Israele si è impegnato per la libertà di religione e di culto per tutte le religioni. La dichiarazione dei Capi delle Chiese a Gerusalemme infuriare. Soprattutto alla luce del loro silenzio circa le difficoltà in cui versano molte comunità cristiane in Medio Oriente, che soffrono di discriminazione e persecuzione. I leader religiosi, secondo Israele hanno un ruolo critico da svolgere nelle educazione alla tolleranza e alla coesistenza. Dai leader della Chiese c’è da aspettarsi che comprendano le loro responsabilità e le conseguenze di quanto hanno pubblicato, che potrebbe condurre a violenza e arrecare danno ad innocenti. Buon Natale ai cristiani della Terra Santa ed in tutto il mondo“. Così termina il comunicato di Hayat.

La rivendicazione

La rivendicazione cristiana, da ebrea mi sento di condividerla. Di fatto le Chiese cristiane in Israele, non vantano quella libertà tanto sbandierata dal mio paese. Soprattutto con la presa di Gerusalemme Est tutto sembra alterato tanto per i musulmani quanto per i cristiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.