Esenzione vaccino: quando qualcosa non quadra perfettamente
Esenzione vaccino: quando qualcosa non quadra perfettamente

Esenzione vaccino: quando qualcosa non quadra perfettamente

L’esenzione vaccino è, in pratica, un foglio stilato dal medico curante, che attesti l’impossibilità comprovata a non ricevere la dose del siero. Ebbene, con questi propositi, ho indagato un pò qua e là, e quel che giunge, non è così chiaro come dovrebbe.

L’esenzione vaccino cosa comporta?

Innanzitutto, partiamo da un punto che reputo ambiguo: i soggetti con sistema immunitario compromesso. Oggetto di studio e riflessione, stiamo parlando di pazienti che, non hanno risposta immunitaria. Il corpo, per farla breve, non ha anticorpi che combattono un fattore esterno dannoso e pericoloso. Ok, tutto chiaro fin qui, o no? Per me, personalmente, non lo è. Avendo un’autoimmunità congenita, sono stata costretta a interpellare molteplici dottori e comprendere se avessi facoltà o meno, a suo tempo, di ricevere la prima dose.


Finanziamenti della ricerca medico-scientifica: tutte le criticità


Tutto a posto quindi…

Dopo svariate sollecitazioni, da parte della sottoscritta, tutti concordano che, fare il vaccino, non comporti nulla per il mio corpo. Adesso, a fronte di ciò che ho letto e passato, della mia salutare cagionevole, o mi faccio due risate, o mi incazzo seriamente. Punto primo perché dalla prima dose, ho avuto frequenti ricadute attribuibili alla malattia. Ma in secondo luogo, perché l’incompetenza certificata dal giuramento di Ippocrate, mi fa venire molteplici brividi sul corpo. A fronte delle scoperte fatte, che cosa causerà il vaccino al mio quasi inesistente sistema immunitario?

È un effetto placebo?

L’esenzione adesso, mi viene da pensare che sia solo un effetto placebo. Qualcosa che esiste, ma che non viene concessa. Questo perché la vendita delle dosi, l’economia che ad essa gira attorno, si riconduca ad essere più importante della stessa salute del cittadino. E allora, tutto questo allarmismo, a cosa fa fronte? Io sono estremamente amareggiata dalla situazione, e non semplicemente dalla mia, ma di tutte quelle delle persone che hanno fatto fronte alla medesima problematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.