La gelosia: dal fattore autostima sfocia perfino l’omicidio
La gelosia: dal fattore autostima sfocia perfino l’omicidio

La gelosia: dal fattore autostima sfocia perfino l’omicidio

La gelosia, intesa come sana percezione d’appartenenza, fa sentire importanti i soggetti coinvolti. Ma cosa succede quando ad essa, si associa la bassa autostima e la non-comprensione dei fatti? Quando il cervello vaga tra le stanze del terrore, si contempla anche l’omicidio.

La gelosia deriva da una bassa autostima?

Come più volte ho detto, il fattore autostima, si colloca fra i primi posti della questione gelosia. Il sentirsi costantemente inferiori per questione estetica, scaturisce in misunderstanding di livelli atipici. Essi poi, danno origine ad una serie di collegamento mentali, di deviazioni di realtà e, mistificazione della stessa. Se a ciò, si aggiunge che non si ha nulla da perdere e, la pretesa di valere maggiormente della vita di un altro individuo, il gioco è fatto. Entra poi nel campo un ulteriore principio: la fiducia reciproca.


GitHub: In India si scatena l’odio misogino o religioso?


La fiducia come atto d’amore

Purtroppo il valore della fiducia, h perso il suo stesso senso. Ed è paradossale che pretendiamo che gli altri l’abbiano di noi se, non siamo disposti per primi ad averne. E più le cose sono vivide, sotto i nostri occhi, più tendiamo a leggerle in un’altra luce. Nel 2022, leggere che qualcuno ha perso la vita per gelosia, è davvero un colpo al cuore per l’avvento delle nuove generazioni che, dovrebbero aver compreso altro della vita. A Trieste, un giovane ragazzo è stato ucciso proprio per un episodio di tale entità. Robert Trajkovich, di soli 17 anni. Un futuro stroncato, un’imboscata, come ha definito il padre, gli ha tolto il diritto al futuro.

La vita umana svenduta al mercato delle pulci della gelosia

Adesso, fra i molteplici perché, mentre le indagini prendono campo, c’è comunque una vita che non torna. La pretesa di sentirsi qualcosa di unico per qualcuno, di essere migliori e superiori. Il tutto la maschera teatrale della mancanza di autostima, civiltà e senso. Intanto, altri genitori piangono un figlio. Intanto, le lacrime di Dio continuano sanguinolente a scorrere. E noi, profani del mondo, crediamo che la mancanza di fiducia, valori morali, si una questione da sorridere e non da analizzare. Andiamo passo passo allo sfascio, ma noi, continuiamo a bearci perché non è capitato a noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.