Suor Jeannine: a fianco degli omosessuali, riabilitata da Bergoglio
Suor Jeannine: a fianco degli omosessuali, riabilitata da Bergoglio

Suor Jeannine: a fianco degli omosessuali, riabilitata da Bergoglio

Un caso di meravigliosa lotta all’accoglienza della diversità, quella di Suor Jeannine. Il suo operato aveva tanto fatto discutere, così da essere allontanata dalla Chiesa. Ma come abbiamo visto, l’’apertura di Papa Francesco al tema della diversità, ha deciso di riabilitarla, tramite parole di carità e amore.

Chi è Suor Jeannine?

Jeannine Gramick, una donna che ha speso tutta la sua vita a introdurre il concetto di accettazione del prossimo. Con più precisione, la forte difesa degli omosessuali e dei transessuali. Una tematica non gradita al foro ecclesiastico, che ha fatto molto discutere fra i presenti e che è sfociato nell’allontanamento della serva di Cristo. Ma abbiamo imparato a comprendere l’enorme voragine che Bergoglio ha creato nella chiesa a proposito del tema dell’accettazione e della diversità. Tale è da aver voluto, a tutti i costi, reinserire la suora mediante una lettera.


L’uomo Papa che combatte a favore dei popoli tutti


La lettera di Papa Francesco

Emblematico, ma deciso, forte davanti a Dio e forte davanti ai suoi adepti. Papa Francesco ha creato la luce per una nuova Chiesa. Un’istituzione fatta da molti, non dai pochi che credono di dover condannare il prossimo perché differente. Ma fino ad ora, tale concetto, non era mai stato espresso a fatti. Con l’avvento del nuovo Pontefice, invece, l’elemento pragmatico che ha sempre dato i suoi pessimi frutti, è stato sradicato come la radice di una pianta e messo sotto gli occhi di tutti per quello che è: l’accettazione del prossimo. Tema discusso e ambito di chiacchiere che, ad oggi riscuote la sua fetta di fede.

Ci-fondatrice delle “Nuove Vie dell’Apostolato”

Suor Jeannine, ansime a padre Robert Nugent è la cofondatrice delle “Nuove Vie dell’Apostolato” cattolico. La sua missione, è stata da sempre considerata lodevole agli occhi del Santo Padre, tanto da spingerlo a scrivere la prima lettera, lodando di fatto l’operato svolto. La seconda, atta invece al reinserimento della suora all’interno della comunità cattolica. “Non hai avuto paura della vicinanza, avvicinandoti lo hai fatto sentendo il dolore e senza condannare nessuno, ma con la tenerezza di una sorella e di una madre”. Queste le incredibili parole di Bergoglio.

2 commenti

  1. Pingback:L’altra faccia della Chiesa: il volto illuminato da Bergoglio -

  2. Pingback:Lettera amica: Suor Jeannine e il cordoglio di Papa Bergoglio -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.