Ruth Slenczynska a 97 anni incide nuovo album
Ruth Slenczynska a 97 anni incide nuovo album

Ruth Slenczynska a 97 anni incide nuovo album

Ruth Slenczynska è l’ultima discepola vivente di Rachmaninoff e a 97 anni si prende il lusso deliziandoci, di registrare un nuovo album. Quando l’arte sopravvive al dolore, alla malattia e alla vita stessa.

Ruth Slenczynska l’arte che vince l’arte?

Fidatevi, l’arte è inarrestabile. Se il tuo spirito funziona con i suoi invisibili paramentri, allora non sarai mai padrone di te stesso. Ti ritroverai a danzare tra una poesia e un libro o una canzone e un dipinto… non avrai mai pace. Così è per la pianista Ruth Slenczynska. Compirà 97 anni domani e il suo nuovo album è in uscita il prossimo 18 marzo per la casa discografica Decca. Diventa così l’artista più longeva, essendo in attività da oltre 90 anni. Capite di cosa parlo? Questa artista fa arte dall’età di 7 anni… signore e signori vi presento l’arte. E’ c’è ancora chi ha il coraggio di parlarmi di quel cazzone avariato di Andy Warhol.


Jethro Tull e Iron Maiden: quando il live diventa leggenda


Ma chi è Ruth Slenczynska?

La pianista, di nazionalità americana, ha vissuto infatti un successo precocissimo, al punto da essere considerata la maggior enfant prodige da Mozart. Debuttò a Berlino all’età di sei anni, mentre a Parigi all’età di sette anni consolidò la sua fama. E’ considerata l’ultima discepola vivente di Rachmaninoff. Molti i momenti indimenticabili della sua lunga carriera, come il duetto con il presidente Harry S Truman, durante la cerimonia di insediamento del presidente John F Kennedy. Una delle più immense artiste appartente a due secoli di arte.
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.