Non ostacolate con sanzioni il filo russo-iraniano
Non ostacolate con sanzioni il filo russo-iraniano

Non ostacolate con sanzioni il filo russo-iraniano

Non ostacolate con sanzioni il legame Russia – Iran. La Russia ha chiesto questo, come se il mondo dovrebbe continuare a guardare inerme alle sue follie. Il suo commercio, gli investimenti e la cooperazione militare con l’Iran non devono essere ostacolati dalle sanzioni statunitensi.

Non ostacolate la via della morte?

La Russia chiede garanzie scritte da parte degli USA, che le sanzioni contro Mosca non danneggerebbero la sua cooperazione con l’Iran. Putin dice: “Non sarebbe costruttiva per i colloqui tra Teheran e le potenze globali per rilanciare l’accordo nucleare del 2015”. Me tre da Teheran ribadiscono: “I russi hanno messo sul tavolo questa richiesta da due giorni fa. C’è un accordo sul fatto che, cambiando la sua posizione nei colloqui di Vienna, la Russia vuole assicurarsi i suoi interessi in altri luoghi. Questa mossa non è costruttiva per i colloqui sul nucleare di Vienna”.
La Russia ha dichiarato sabato che le sanzioni occidentali imposte sul conflitto in Ucraina sono diventate un ostacolo per l’accordo nucleare iraniano, avvertendo che l’Occidente dovrebbe tenere conto degli interessi nazionali russi. Oggi 5 marzo, l’Iran ha dichiarato di aver concordato una tabella di marcia con il controllo nucleare delle Nazioni Unite. Soprattutto per risolvere tutte le questioni in sospeso sul programma nucleare del paese entro la fine di giugno.

L’ultima spiaggia

Una mossa vista come l’ultima spinta per rilanciare l’accordo nucleare di Teheran del 2015 con le potenze globali. Ma il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che le sanzioni alla Russia hanno creato un “problema”. “Sarebbe andato tutto bene, ma quella valanga di sanzioni aggressive, richiedono una comprensione profonda soprattutto da parte degli avvocati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.