L’ESA sospende la missione su Marte con la Russia
L’ESA sospende la missione su Marte con la Russia

L’ESA sospende la missione su Marte con la Russia

L’ESA sospende la missione su Marte con la Russia. Unanime la decisione del Consiglio di sospendere la missione ExoMars: “Deploriamo profondamente l’aggressione“. La risposta dell’agenzia spaziale russa Roscosmos non si è fatta attendere: “Andremo da soli“.

È giusta la decisione dell’ESA?

È sicuramente in linea con i paesi occidentali e con il resto delle grandi organizzazioni europee e statunitensi. L’Agenzia Spaziale Europea ha sospeso la missione ExoMars su Marte in cooperazione con la Russia. La decisione è arrivata alla fine del Consiglio dell’ESA che si è appena concluso a Parigi e in cui è stata valutata la situazione derivante dalla guerra in Ucraina. Sospendere la seconda missione di ExoMars è una “decisione presa all’unanimità da tutto il Consiglio“, ha riferito l’agenzia.

L’ESA e la Russia

La seconda missione insieme alla agenzia spaziale russa Roscosmos, sarebbe dovuta partire dalla base spaziale di Baikonur il prossimo 20 settembre. Sempre russa è anche la piattaforma per fare atterrare il rover europeo ‘Rosalind Franklin’ che, grazie ad una trivella italiana, avrebbe dovuto perforare la superficie di Marte fino a 2 metri di profondità. Lo scopo era cercare forme di vita passata o presente. Il modulo di discesa per fare atterrare il rover è una realizzazione Roscosmos attraverso industrie russe.

Il giusto modo

Ora l’Esa cercherà nuovi partner industriali per sostituire il lander russo. Il direttore Josef Aschbacher è chiamato a condurre un rapido studio industriale per verificare tutte le opzioni. Ma mentre l’Europa cerca nuovi partner per lanciare la missione su Marte e portare il rover sul pianeta rosso, è arrivata pronta la risposta dell’agenzia spaziale russa Roscosmos. “La società spaziale russa Roscosmos sarà in grado di effettuare una spedizione marziana da sola. Questo in vista della decisione dell’Agenzia spaziale europea. Il Ceo di Roscosmos Dmitry Rogozin a dichiarato: “Sì, perderemo diversi anni, ma costruiremo il nostro modulo di atterraggio. Lo forniremo con un veicolo di lancio Angara e condurremo questa spedizione di ricerca dal nuovo sito di lancio del Cosmodromo di Vostochny”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.