Pena di morte: il South Carolina approva la fucilazione
Pena di morte: il South Carolina approva la fucilazione

Pena di morte: il South Carolina approva la fucilazione

Pena di morte: il South Carolina approva la fucilazione come metodo di esecuzione nel braccio della morte. Non siamo quello che mangiamo, siamo ciò che interpretiamo sia dalla spiritualità, sia dalle grandi esperienze civiche.

Pena di morte: non vi da un senso di inadeguatezza?

Ogni società elabora modelli di comportamento. Nel mondo arcaico greco, questi erano suggeriti dalla poesia epica, strumento di trasmissione del patrimonio culturale e modello di formazione delle nuove generazioni. La prima fonte alla quale attingere per tentare di ricostruire il concetto di pena presente nel mondo greco è costituita dai poemi omerici. La società greca, rispondeva essenzialmente a due principi: la vergogna e la colpa. Gli antropologi parlano di “civiltà di vergogna” e di “civiltà di colpa”. Con “civiltà di vergogna” si indica una società regolata da modelli positivi di comportamento. La mancata adesione a questi modelli aveva come conseguenza la vergogna nel suo duplice aspetto di sanzione interna (psicologica) ovvero la perdita dell’autostima, ed esterna (sociale) consistente nel biasimo della comunità e, al limite, nell’emarginazione.

Le regole come conquiste civiche

Le regole di comportamento, nella società greca, erano acquisite e osservate attraverso l’interiorizzazione di quella “voce del popolo”, che, a seconda dei casi, riconosce le virtù o sanziona i comportamenti che ne derogano. La poesia, con il canto delle gesta degli eroi e il commento della voce del popolo, costituisce dunque uno strumento di formazione del cittadino greco e di identificazione con gli altri membri del gruppo. Se riferiamo questo tempo al V/VI secolo avanti Cristo, ci rendiamo conto che tutte le conquiste civiche e spirituali fatte già in quel tempo, sono morte con .o sviluppo di una realtà civica deviata.

La pena di morte da non credere

Pena di morte shock in South Carolina. La fucilazione è diventato ufficilamente uno dei metodi di esecuzione dei detenuti nel braccio della morte. La misura è stata approvata a maggio dell’anno scorso per superare le difficoltà nel reperire il mix di veleni. Ci pensate? Visto che il mix di veleni, necessario per le iniezioni letali, è difficile da reperire, perchè molte case farmaceutiche che hanno vietato la loro esportazione negli USA per motivi umanitari, questi barbari non si sono fatti prendere dal dubbio, bensì hanno sostituito il tipo di morte. Fino a oggi i condannati, potendo scegliere tra l’iniezione e la sedia elettrica, avevano optato per la prima, di fatto impedendo la loro esecuzione. Quindi, anche chi fino ad ora non è stato giustiziato con il mix mortale, dal via libera della legge verrà fucilato!

La legge di Draconte

Fu il primo intervento legislativo in materia di omicidio di cui abbiamo notizia sicura, anche se fu preceduta da una secolare attività di tipo religioso, i cui principi costituirono il fondamento ideologico della legge in esame. La Legge di Draconte sull’omicidio, introdusse molte novità, fra le quali quella secondo cui l’omicidio dovesse essere sanzionato con pene diverse a seconda del diverso atteggiarsi della volontà colpevole: se l’omicidio era premeditato, la pena era la morte; nei casi di omicidio non premeditato o involontario la pena, era l’esilio; nel caso di omicidio legittimo (precursore della nostra legittima difesa) nessuna sanzione era disposta.

Pena di morte: quando l’omicidio diventa reato

Con la legge Draconte l’omicidio diventa reato nel senso moderno del termine. La pena è stabilita dalla legge ed è applicata in seguito all’accertamento della colpevolezza da parte di tribunali, istituzionalmente competenti per materia Il tribunale dell’Areopago, che doveva giudicare gli omicidi premeditati e il tribunale dei Cinquantuno, che dovevano giudicare tutti gli altri omicidi. Se rovesciamo l’evoluzione civica fatta nel tempo, allora possiamo dire che l’umanità, soprattutto quella made in USA è rimasta bloccata al V secolo avanti Cristo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.