Con semplicità e chiarezza: Bergoglio parla così
Con semplicità e chiarezza: Bergoglio parla così

Con semplicità e chiarezza: Bergoglio parla così

Con semplicità e chiarezza, smontando le arcaiche strutture teologiche, così Papa Bergoglio parla al cuore delle persone. All’udienza di ieri le sue parole sono arrivate come mai avvenuto prima. Non ha bisogno di usare i fogli, guarda le persone negli occhi e dice quello che pensa.

Con semplicità e chiarezza: Bergoglio parla così

Con semplicità e chiarezza?

Si di quella più limpida possibile. Toglie gli occhi dai fogli, guarda i fedeli seduti a pochi metri da lui e dice: “Mi sono vergognato a leggere che il 2% del Pil di tutte le nazioni vada per nuove armi… il 2%? E’ pazzia“. E’ qui la semplicità. Ha parlato come uno di noi. Non si è andato a nascondere nei meandri labirintici degli affreschi spirituali. Papa Bergoglio ha solo detto cose che diremmo tutti. Mi domando cosa accadrà dopo di lui. Sapete non ho mai smesso di seguire il Vaticano e le sue scintille politiche e teologiche. Spesso mi sono trovato ad attaccare violentemente la curia e alcune azioni e reazioni di papi che furono. Ho sempre pensato di amare talmente tanto la mia Chiesa (anche essendo un demone rarefatto) che fosse necessario abbatterla nello spirito per ricostruirla in Dio. Il dopo Giovanni Paolo II (non tutto il periodo ovviamente, il primo è meglio dimenticarlo) ci aveva regalato un Papa, Benedetto XVI, che con forza ribadiva la radice arcaica della Chiesa. Bergoglio ci regala la libertà dello Spirito. Non mette confini, accoglie e cerca di chiarire che nell’accoglienza c’è conversione e non accusa. Ma sa anche essere molto duro. Parla ai politici guerrafondai con decisione e chiarezza.

 Con la guerra si perde tutto

 “Con la guerra si perde tutto“. E’ chiarezza pura. Non si perdono solo i beni materiali: case, automobili, lavoro… si perde il diritto spirituale di essere considerati persone. “Si spende nelle armi per fare le guerre, non solo questa, che è gravissima, e noi la sentiamo di più perché è più vicina, ma in Africa, in Medio Oriente, in Asia. La spesa per le armi è uno scandalo. Perché farci la guerra per conflitti che dovremmo risolvere parlandoci da uomini? Bisogna creare la coscienza. Perché continuare a spendere in armi sporca l’anima, sporca il cuore, sporca l’umanità. A che serve impegnarci tutti insieme, nelle campagne contro la povertà, contro la fame, contro il degrado del pianeta, se poi ricadiamo nel vecchio vizio della guerra, che riporta tutto e tutti all’indietro? Mi sono vergognato a leggere che il 2% del Pil di tutte le nazioni vada per nuove armi… il 2%? E’ pazzia“.

Un commento

  1. Pingback: La Germania valuta sistema antimissile - Il Grillo Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.