Navigare a vista tra vero o falso e l’inutile
Navigare a vista tra vero o falso e l’inutile

Navigare a vista tra vero o falso e l’inutile

È questo il dono dei media, navigare a vista tra chi dice il vero, il falso e l’inutile. Spesso, consultando i lanci di agenzia, cerco di mettermi nei vostri panni. Tra bollettini di guerra, turbolenze energetiche, turbolenze politiche e mi chiedo: ma cosa interesserà ai lettori?

Navigare a vista è accettabile?

Vedo le vostre facce disgustate, stanche e magari anche dubbiose. Navigare tra una notizia e l’altra cercando di capire se si sta leggendo la verità o il suo contrario non è più possibile. Probabilmente sarete assaliti anche da una forma di sconforto, che vi porta a dire una semplice ma importantissima parola: mah? Un lancio di agenzia di poco fa, ci avvisa che da Kiev fanno sapere che, dall’inizio della guerra più di 34000 soldati russi morti. Quindi la domanda a me stesso è: ma interesserà al pubblico questa notizia propagandistica? Capiranno le vere intenzioni di chi l’ha creata? Saranno nauseati da questo gioco inutile? La risposta come vedete è semplice: non voglio darvela questa notizia, non voglio infilarmi nel calderone insieme agli altri cercatori di Like👍. Vorrei costantemente darvi qualcosa di diverso e forse è per questo che scrivo sempre articoli di opinione, la mia ovviamente, soprattutto per darvi la possibilità di leggere un pensiero e non solo la notizia. Vorrei darvi la possibilità di incazzarvi e rispondermi per le rime.

Il vero è il falso e il falso è il vero

Il tutto non ha più un valore assoluto. Una notizia vera potrebbe rivelarsi falsa e viceversa. Così mi rendo conto di quanto le notizie lette da voi, non siano così diverse da un oroscopo, per alcuni vero per altri falso. Ma cosa lega queste due realtà, forse la necessità di comprendere da che parte navigare? Allora la scelta mediatica è errata. Le notizie, come le intendevamo una volta sono un ricordo lontano. C’è la necessità di fare opinione per creare opinione e forse, in quel caso, la vostra sarà la vera notizia. Questo è purtroppo il tempo dei titoli e si passa oltre. L’approfondimento è morto non solo con i media ma con la necessità di un confronto ormai sepolto. Questo è il tempo dello scambio di commenti e se un commento non ti piace togli la persona dalle amicizia. Pensavo fosse colpa vostra lo ammetto. Ma sbagliavo! È colpa della notizia stessa. È colpa del supermercato delle notizie sentite e rilanciate. Ci sono news per tutti i palati. Tutto quello che è necessario sentire o leggere e a disposizione e siete voi a dover scegliere il vero o il falso. Beh! Amici miei tanti auguri. Io continuerò a scrivere sui miei articoli: “secondo me”. Cercherò di darvi la mia follia di pensiero… poi se vedrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.