Come funziona la musica con i nostri sentimenti?
Come funziona la musica con i nostri sentimenti?

Come funziona la musica con i nostri sentimenti?

Come funziona la musica con i nostri sentimenti? Una riflessione su: Le Neuroscienze della Composizione Emotiva
A cura di Angelo Molino Professore Musicoterapeuta. PERCHÉ LA MUSICA ci fa percepire qualcosa?

Come funziona la musica con i nostri sentimenti?

Da un lato, la musica è una forma d’arte puramente astratta, priva di linguaggio o idee esplicite. Le storie che racconta sono tutte sottigliezze e sotto testo. Eppure, anche se la musica dice poco, riesce comunque a toccarci nel profondo, a solleticare dei nervi universali. Quando ascoltiamo le nostre canzoni preferite, il nostro corpo tradisce tutti i sintomi dell’eccitazione emotiva. Le pupille dei nostri occhi si dilatano, il polso e la pressione sanguigna aumentano, la conduzione elettrica della nostra pelle si abbassa e il cervelletto, una regione del cervello associata al movimento corporeo, diventa stranamente attivo. Il sangue viene persino reindirizzato ai muscoli delle gambe. (Alcuni ipotizzano che questo sia il motivo per cui iniziamo a battere i piedi.) In altre parole, il suono ci stimola alle nostre radici biologiche. Come scrisse Schopenhauer, “Siamo noi stessi a essere torturati dalle corde”.

La via delle sensazioni

Ora possiamo iniziare a capire da dove provengono queste sensazioni, perché una massa d’aria vibrante che sfreccia nello spazio può innescare stati di eccitazione così intensi. Un nuovissimo articolo su Nature Neuroscience di un team di ricercatori di Montreal segna un passo importante nel rivelare le precise basi del “potente stimolo piacevole” che è la musica. Anche se lo studio coinvolge un sacco di tecnologia sofisticata, tra cui FMRI e tomografia a emissione di positroni (PET) , l’esperimento in sé è stato piuttosto semplice. Dopo aver esaminato 217 persone che hanno risposto agli annunci che richiedevano persone “sensibili agli stimoli offerti dalla musica strumentale”, gli scienziati hanno ristretto il pool di soggetti a dieci. (Questi sono stati i pochi fortunati che hanno dimostrato di reagire meglio alla stimolazione .) Gli scienziati hanno quindi chiesto ai soggetti di portare la loro playlist di canzoni preferite – praticamente ogni genere era rappresentato, dalla techno al tango – e hanno riprodotto per loro la musica mentre la loro attività cerebrale veniva monitorata.

Come funziona la musica con i nostri sentimenti? L’idea della scienza

Poiché gli scienziati stavano combinando due metodologie (PET e FMRI), sono stati in grado di ottenere un ritratto straordinariamente preciso della musica nel cervello. La prima cosa che hanno scoperto (usando la PET ) è che la musica innesca il rilascio di dopamina sia nella muscolatura striata dorsale che ventrale. Ciò non è particolarmente sorprendente: queste regioni sono state a lungo associate alla risposta a stimoli piacevoli. Non importa se stiamo facendo sesso o sniffando cocaina o ascoltando The Clockers o Mozart : queste cose ci riempiono di beatitudine perché solleticano queste cellule. La felicità inizia qui.

Come funziona la musica con i nostri sentimenti: la scoperta più interessante

La scoperta più interessante è emersa da uno studio approfondito dei tempi di questa risposta, mentre gli scienziati hanno cercato di vedere cosa stava succedendo nei secondi prima che i soggetti “avessero i brividi”. Non entrerò nei precisi correlati neurali – diciamo solo che dovresti ringraziare la tua giusta produzione endogena di dopamina la prossima volta che ascolti la tua canzone preferita. Voglio concentrarmi su un’interessante distinzione osservata nell’esperimento: In sostanza, gli scienziati hanno scoperto che i nostri momenti musicali preferiti erano preceduti da un prolungato aumento di attività nel caudato. La chiamano “fase anticipatrice” e sostengono che lo scopo di questa attività è aiutarci a prevedere l’arrivo della nostra parte preferita. Immediatamente prima del culmine delle risposte emotive c’erano prove di un’attività della dopamina relativamente maggiore nel caudato. Questa sotto regione dello striato è interconnessa con le regioni sensoriali, motorie e associative del cervello ed è stata tipicamente implicata nell’apprendimento delle associazioni stimolo-risposta e nella mediazione delle qualità rinforzanti di stimoli gratificanti come il cibo. In altre parole, le altezze astratte sono diventate un primo segnale di ricompensa, l’equivalente culturale di una campana (facendo un paragone con la stimolazione Pavloviana) che ci fa sbavare.

Ecco la loro sintesi

La fase anticipatoria, innescata da segnali temporali che segnalano l’arrivo di una sequenza uditiva potenzialmente piacevole, può innescare aspettative di stati emotivi euforici e creare un senso di desiderio e previsione di ricompensa. Questa ricompensa è del tutto astratta e può coinvolgere fattori come aspettative sospese e un senso di risoluzione. In effetti, i compositori e gli esecutori spesso approfittano di tali fenomeni e manipolano l’eccitazione emotiva violando le aspettative in certi modi o ritardando il risultato previsto (ad esempio, inserendo note inaspettate o rallentando il tempo) prima della decisione di aumentare la motivazione per il completamento. La risposta emotiva di picco evocata dall’ascolto della sequenza desiderata rappresenterebbe la fase di consumazione o gradimento, rappresentando le aspettative soddisfatte e l’accurata previsione della ricompensa. Proponiamo che ciascuna di queste fasi possa comportare il rilascio di dopamina, ma in diversi sotto circuiti dello striato, che hanno connettività e ruoli funzionali diversi.

Come funziona la musica con i nostri sentimenti? La domanda

La domanda, ovviamente, è cosa stanno facendo tutti questi neuroni che producono dopamina. A quali aspetti della musica stanno rispondendo? E perché sono così attivi quindici secondi prima del climax acustico? Dopotutto, in genere associamo picchi di dopamina al piacere, con l’elaborazione di reali ricompense. Eppure, questo ammasso di cellule nel caudato è più attivo quando i brividi devono ancora arrivare, quando il pattern melodico è ancora irrisolto.

Una risposta concreta

Un modo per rispondere a queste domande è rimpicciolire, guardare la musica e non il neurone. Mentre la musica può spesso sembrare (almeno agli estranei) come un labirinto di schemi intricati – è arte nella sua forma più matematica – si scopre che la parte più importante di ogni canzone o sinfonia è quando gli schemi si interrompono, quando il suono diventa imprevedibile. Se la musica è troppo ovvia, è fastidiosamente noiosa, come una sveglia. (Numerosi studi, dopotutto, hanno dimostrato che i neuroni della dopamina si adattano rapidamente a ricompense prevedibili. Se sappiamo cosa succederà dopo, allora non ci eccitiamo.) Questo è il motivo per cui i compositori introducono la nota tonica all’inizio della canzone per poi accuratamente evitarlo fino alla fine. Più a lungo ci viene negato lo schema che ci aspettiamo, maggiore è il rilascio emotivo quando lo schema ritorna, sano e salvo. È allora che ci vengono i brividi.

Il principio psicologico

Per dimostrare questo principio psicologico, il musicologo Leonard Meyer, nel suo classico libro Emotion and Meaning in Music (1956), ha analizzato il 5° movimento del Quartetto per archi di Beethoven in do diesis minore op. 131. Meyer ha voluto mostrare come la musica sia definita dal suo flirtare con – ma non sottomettersi – alle nostre aspettative di ordine. Per dimostrare il suo punto, Meyer ha sezionato cinquanta misure del capolavoro di Beethoven, mostrando come Beethoven inizia con la chiara affermazione di uno schema ritmico e armonico e poi, in un’intricata danza tonale, evita accuratamente di ripeterlo. Ciò che Beethoven fa invece è suggerire variazioni del modello. Lui è la sua ombra sfuggente. Se il mi maggiore è la tonica, Beethoven suonerà versioni incomplete dell’accordo di mi maggiore, sempre attento a evitare la sua espressione diretta. Vuole preservare un elemento di incertezza nella sua musica, facendo implorare i nostri cervelli per l’unico accordo che si rifiuta di darci. Beethoven salva quell’accordo per la fine.

Come funziona la musica con i nostri sentimenti? Cosa dice Meyer?

Secondo Meyer, è la tensione di suspense della musica (che nasce dalle nostre aspettative non soddisfatte) che è la fonte della “Percezione Sentimentale” della musica. Mentre le precedenti teorie sulla musica si concentravano sul modo in cui un rumore può riferirsi al mondo reale delle immagini e delle esperienze (il suo significato “connotativo”), Meyer sosteneva che le emozioni che troviamo nella musica provengano dagli eventi che si svolgono nella musica stessa. Questo “significato incarnato” nasce dagli schemi che la sinfonia invoca e poi ignora, dall’ambiguità che crea all’interno della sua stessa forma. “Per la mente umana”, scrive Meyer, “tali stati di dubbio e confusione sono ripugnanti. Di fronte a loro, la mente tenta di risolverli in chiarezza e certezza. E così aspettiamo, in attesa, la risoluzione in Mi maggiore, il completamento del modello stabilito da Beethoven. Questa anticipazione nervosa, dice Meyer, “è l’intera ragion d’essere del passaggio, poiché il suo scopo è proprio quello di ritardare la cadenza nella tonica”.

L’evoluzione

L’incertezza crea la sensazione: è ciò che innesca l’ondata di dopamina nel caudato, mentre lottiamo per capire cosa accadrà dopo. E così i nostri neuroni cercano l’ordine ondulato, cercando di dare un senso a questa raffica di toni. Possiamo prevedere alcune delle note, ma non possiamo prevederle tutte, e questo è ciò che ci fa continuare ad ascoltare, aspettando con ansia la nostra ricompensa, il completamento dello schema errante. La musica è una forma il cui significato dipende dalla sua violazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *